Questo sito contribuisce alla audience di

cartaglòria

sf. (usato per lo più al pl. carteglòrie o cartaglòrie) [sec. XIX; carta+gloria]. Sono così chiamate le tre tabelle incorniciate collocate davanti al celebrante, sull'altare: la tabella al centro contiene le preghiere del Canone e dell'Offertorio, il Gloria, il Credo, il Munda cor, il Supplices te rogamus, il Placet tibi; quella a destra il Lavabo e il Deus qui humanae substantiae; quella a sinistra l'inizio del Vangelo di San Giovanni. In origine (sec. XVI) si usava una sola cartagloria contenente i motivi iniziali del canto del Gloria (e di qui il loro nome). Ora le carteglorie servono ad aiutare la memoria del sacerdote quando il rito gli impone la posizione china e di conseguenza egli non può leggere sul messale.

Collegamenti