Questo sito contribuisce alla audience di

Effetto placebo e dipendenza dalla nicotina

È ormai acquisito come il fumo di sigaretta induca dipendenza farmacologica (da nicotina) ed è proprio attraverso lo studio dei livelli, nel siero, di beta endorfine che si è giunti a questa conclusione.

La nicotina inalata, infatti, attiva nella corteccia cerebrale recettori specifici per se stessa e tale attivazione induce, a sua volta, notevole liberazione di endorfine.

È evidente quindi che l'astensione dal fumo possa portare all'insorgenza di fenomeni da privazione, analogamente a quanto accade nelle tossicodipendenze ove i recettori per oppiacei, attivati dalla droga esogena, in mancanza di questa inducono una forte sofferenza nell'individuo.


È questo il motivo per cui è importante per i forti fumatori inserire nel programma di cessazione del fumo anche l'assunzione di prodotti a base di nicotina (cerotti, spray nasali, chewing gum ecc.).

Senza dimenticare però che la dipendenza, chiaramente, non è solo di carattere biochimico, ma anche comportamentale e di questo si dovrà tener conto nell'aiutare il fumatore a smettere. È noto poi che è tanto più difficile per un fumatore smettere quanto più precocemente ha iniziato a fumare e questo è spiegabile col fatto che, nella costruzione comportamentale di una persona che inizia presto a fumare si sviluppano i recettori della nicotina che, interagendo con gli altri recettori biologici naturali dell'encefalo, portano a quell'assetto cognitivo da cui poi difficilmente il fumatore si potrà staccare.

Media

Gli effetti dannosi del fumo.

ABC della Salute

Vuoi sapere come mantenere un'alimentazione sana ed equilibrata, prevenire disturbi fisici e mentali, sapere tutto sulle vaccinazioni e scoprire come curare l'insonnia?

Vai alla sezione ABC della salute