Questo sito contribuisce alla audience di

La controversa storia dell'invenzione del telefono: Bell o Meucci?

L'invenzione del telefono ha sicuramente rivoluzionato il modo di comunicare di ognuno di noi. Oggi sarebbe impossibile pensare a un mondo senza telefono, un apparecchio che, in pochi secondi, mette in contatto milioni di persone in ogni parte del mondo.

Ma chi c'è dietro questa grande invenzione? La storia è alquanto controversa e densa di equivoci che si perdono nel tempo. Dal 1876, anno in cui venne presentato il brevetto, fino al 2002, si è a lungo dibattuto sulla sua paternità. Chi la riteva un' invenzione dell'americano Alexander Graham Bell, chi invece dell'italiano Antonio Meucci.

Finalmente l’11 giugno del 2002, il Congresso degli Stati Uniti d’America ha ufficialmente attribuito l’invenzione del telefono a quest'ultimo.

È bene sottolinearlo in quanto per oltre un secolo l’invenzione di questo apparecchio è stata attribuita, erroneamente, a Bell che nel 1876 presentò il brevetto del telefono.

In realtà, già nel 1854 Meucci realizzò il primo prototipo di telefono da lui chiamato telettrofono e che utilizzò all’interno della sua abitazione cubana per poter comunicare con la moglie costretta a letto da una malattia. Purtroppo, brevettare l’invenzione aveva costi elevati che Meucci non poteva sostenere a causa delle precarie condizioni finanziarie in cui versava.

Solo nel 1871, trasferitosi a New York dove aveva aperto una fabbrica di candele, l’inventore italiano riuscì a trovare i soldi necessari per ottenere un brevetto provvisorio (denominato caveat) per il suo telettrofono che, tuttavia, necessitava di un rinnovo annuale del costo di 10 dollari. Purtroppo, Meucci riuscì a sostenere le spese del rinnovo solo fino al 1873.

Tre anni dopo, precisamente il 7 marzo 1876, l’americano Alexander Graham Bell inventore e professore all’Università di Boston, venuto probabilmente in possesso dei disegni di Meucci, presentò e depositò il brevetto di un apparecchio del tutto identico al telettrofono e a cui Bell dette il nome di telefono.

Meucci non riuscì a sostenere finanziariamente la causa intentata nei confronti di Bell ricordato così, per oltre un secolo, come il padre del telefono soprattutto negli Stati Uniti. Per anni si è dibattuto sulla paternità dell’invenzione ma solo nel 2002, proprio gli Stati Uniti, hanno decretato che questa fosse da attribuirsi all’italiano Antonio Meucci.

photo credit: karramarro via photopin cc

07/03/2012

Leggi anche...

Scopri le risorse di Sapere.it!

Enciclopedia: dall'esperienza De Agostini oltre 185.000 lemmi per soddisfare la tua voglia di conoscenza.
Dizionari: per trovare la definizione di una parola o per tradurla in nove lingue diverse.
Medicina e salute: una sezione dedicata al benessere ed alla cura del corpo.
Sicuro di Sapere: idee, spunti,e utili strumenti per allenare la tua conoscenza... divertendoti!
Quiz: per mettere alla prova la tua conoscenza, sfidare gli altri utenti e raggiungere la prima posizione della classifica
Pillole di Sapere: approfondimenti e news per essere sempre sulla notizia.