Questo sito contribuisce alla audience di

Professione dog trainer: la passione e l'esperienza di Simone Dalla Valle

Fare della propria passione un mestiere è il sogno di ciascuno di noi. Tra quelli che sono riusciti nell'intento troviamo Simone Dalla Valle, Dog Trainer professionista tra i più accreditati in Italia. Forte degli studi specialistici e di moltissimo lavoro sul campo, lo vediamo all'opera anche su DeAKids nel programma 'Missione Cuccioli' (Canale 601 di Sky);  un'esperienza che, inoltre, viene raccontata nel suo libro ‘Una Scelta Importante’,  sorta di vademecum edito da De Agostini da destinarsi a tutte quelle persone decise ad arricchire la propria esistenza con la presenza di un cane.

Quella per gli animali e soprattutto per la cinofilia, è una passione da sempre presente in Simone Dalla Valle: «Sono stato da sempre in contatto con gli animali e sono cresciuto in una casa in cui c'erano sia cani che gatti. La cosa è poi sfociata in qualcosa di più forte che mi ha portato a voler costantemente interagire con loro, non solo nella forma del gioco. E infatti, mentre mi stavo laureando, ho deciso di adottare un cane tutto mio scegliendolo sull'onda dell'emotività, fatto particolare che descriviamo spesso anche nella nostra trasmissione ‘Missione Cuccioli’ su DeAKids. L’ho scelto perché mi piaceva, mi ha fatto un po' tristezza vederlo dietro le sbarre e, senza rendermene conto, mi sono portato a casa un cane molto problematico che proveniva da un maltrattamento. Però, anziché riportarlo al canile ho chiesto aiuto a un'istruttrice cinofila professionista ed è stata lei a farmi capire che questo mio interesse per il mondo della cinofilia poteva diventare una professione a tutti gli effetti

Tuttavia accade troppo spesso che l’ambito dell’educazione del cane non venga affatto preso in considerazione dai padroni: l’idea fin troppo diffusa è quella di un cane che “si educa da sé” e la necessità che all’animale venga indicata la strada da seguire non viene spesso contemplata. «Il cane ha un cervello e il mio approccio si basa quindi sull'assunto che ogni gesto che l'animale fa è motivato da un pensiero e da una capacità cognitiva. Bisogna prima di tutto imparare a conoscere cosa si ha dall'altra parte del guinzaglio, interpretare il suo linguaggio e capire come poterci far comprendere da lui. A quel punto l'educazione sarà semplicemente un gioco, un modo per costruire con il nostro amico a quattro zampe, una relazione ancora più solida.. Perché se l'educazione viene fatta premiando e non punendo, si stimola nel cane una mentalità collaborativa.»

Sono proprio queste le colonne portanti di Missione Cuccioli: un programma capace di insegnare che l’educazione è un passaggio imprescindibile nel proprio rapporto col cane, ma altrettanto capace di veicolare il rispetto per la natura e gli animali. Oltre ad intrattenere il pubblico con le storie proposte, la trasmissione spinge infatti verso una sensibilità cinofila che comincia, ora, a farsi strada anche in Italia. È lo stesso Simone Dalla Valle ad affermarlo: «Io credo che Missione Cuccioli stia contribuendo notevolmente a diffondere alcuni concetti provenienti dalla cultura cinofila italiana. Stiamo vivendo un momento di fermento e di cambiamento in positivo: la mentalità sta finalmente cambiando e ci sono sempre più proprietari che si rendono conto che mettere un collare a strozzo è qualcosa di negativo ed ingiusto. Ci sono sempre più proprietari che decidono di venire a lezione non solo per imparare ma anche per interagire di più il proprio cane. Solo questo fa capire quanto si stia sviluppando una diversa sensibilità, che dobbiamo spingere e rendere presente soprattutto nei bambini

Tuttavia intraprendere l’attività di Dog Trainer non è cosa da tutti. Dal punto di vista di Simone Dalla Valle è necessario possedere determinate ed imprescindibili caratteristiche.
La prima: «bisogna avere un quid che piaccia ai cani, una scioltezza di movimenti, una scintilla che i cani comprendono e che purtroppo non tutti hanno
La seconda: «bisogna studiare tantissimo
La terza: «avere la voglia di bagnarsi e sporcarsi le scarpe durante tutto l’anno. Di stare all’aria aperta sia che faccia caldo, freddo, che piova o che ci sia il sole: i cani hanno bisogno di uscire e noi dobbiamo essere pronti ad assecondarli in queste loro esigenze

17/01/2011