Questo sito contribuisce alla audience di

Île-de-France

Guarda l'indice

(Île-de-France). Regione della Francia settentrionale, 12.012 km², 11.290.831 ab. (stima 2003), 940 ab./km², capoluogo: Parigi. Dipartimenti: Seine-et-Marne, Parigi, Essonne, Hauts-de-Seine, Seine-Saint-Denis, Val-de-Marne, Val-d'Oise e Yvelines. Confini: Piccardia (N), Champagne-Ardenne (E), Borgogna (SE), Centro (S,W), Alta Normandia (NW).

Territorio

Il territorio, nel settore centrale del Bacino di Parigi e corrispondente alla regione parigina, alterna estese pianure a monotoni altopiani calcarei; è Senna a S, Oise a W, Aisne a N e Marna a E, così da apparire quasi un'isola. La regione, oltre a ospitare la capitale politica, rappresenta anche la capitale economica. L'enorme peso economico dell'Île-de-France è dovuto a una secolare politica di centralizzazione di manodopera qualificata, di capitali, di attività e di attrezzature di primo rango. La decentralizzazione dei pesi economici non ha modificato di molto la situazione: la regione produce circa il 29% del PIL nazionale e offre lavoro a oltre 5 milioni di persone. Malgrado il rafforzamento di poli di equilibrio come Lione la centralità della regione capitale è ancora molto forte.

Economia

L'agricoltura (cereali, barbabietole da zucchero, ortaggi e frutta), l'allevamento e l'attività industriale (settori meccanico, automobilistico, aeronautico, chimico e alimentare) sono, nei primi anni del XXI sec., in declino ma restano competitive. L'Île-de-France resta la più industrializzata regione francese, ma il settore è attivo sempre meno nella produzione e sempre di più nel comparto della ricerca e sviluppo. La base economica della regione è infatti quella del terziario: Parigi è una città mondiale seconda in Europa solamente a Londra. Il terziario avanzato è molto sviluppato nei settori dei servizi alle imprese. La conurbazione di Parigi ha già iniziato negli ultimi decenni del Novecento un processo di decentramento demografico e delle attività industriali: consistenti quote di popolazione parigina si sono trasferite nei centri periferici della banlieu. La grande Parigi ospita circa 10 milioni di ab. (stima 2003). La regione parigina è strutturata in tre corone concentriche collegate al nucleo centrale che ha mantenuto i principali organismi decisionali e quindi le funzioni centrali.Anche la rete dei trasporti è caratterizzata da una forte centralizzazione sulla capitale: gli aeroporti della capitale offrono voli a oltre 70 milioni di passeggeri l'anno, utilizzando diverse città del S come scali secondari di collegamento tra la capitale e i Paesi del Mediterraneo e del Medio Oriente. La rete ferroviaria veloce TGV è imperniata su Parigi che è il punto di incontro tra i due assi principali: quello N-S (Londra-Lione-Marsiglia) e quello W-E (Poitiers-Lille). Anche la rete autostradale converge sulla capitale, divenendo perciò Parigi anche il nodo autostradale principale.Le città più importanti, oltre a Parigi, sono Fontainebleau, Versailles, Beauvais, Laon, Soissons, Compiègne, Melun e Corbeil-Essonnes.