Questo sito contribuisce alla audience di

Alcmèna

(greco Alkmḗnē; latino Alcmēna), mitica eroina greca , figlia di Elettrione, re di Micene, e sposa di Anfitrione. Durante un'assenza dello sposo, Zeus, assuntene le sembianze, si accoppiò all'inconsapevole Alcmena. Da quell'unione nacque Eracle. Alla morte, Alcmena fu accolta nei Campi Elisi, dove divenne la moglie di Radamante. La sua vicenda ispirò le omonime opere di Sofocle, Eschilo, Euripide, Accio, Plauto, Molière e H. Kleist.

Media

Alcmena