Questo sito contribuisce alla audience di

Bergen (Norvegia)

Guarda l'indice

centro amministrativo della contea di Hordaland (Norvegia), 271.949 ab. (stima 2014).

Generalità

Affacciata al Byfjord (oceano Atlantico), punto terminale di una ferrovia che la collega a Oslo, la città ha registrato un notevole incremento demografico (con conseguente espansione edilizia nel retroterra e lungo la fascia costiera) ed è la seconda del Paese per numero di ab. Bergen venne ripetutamente distrutta da incendi nel corso dei secoli (i più disastrosi nel 1702 e nel 1916) e ogni volta ricostruita. Solo gli edifici principali, sia religiosi sia civili, sono in pietra, mentre la maggioranza delle abitazioni è in legno. È sede di un'università (1948), di numerose biblioteche, di musei e di un acquario. Nel 1979 il suo lungomare di Bryggen è stato incluso nel patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. Nel 2000 è stata Capitale europea della Cultura. Vi nacque il pianista e compositore Edvard Hagerup Grieg (1843-1907).

Storia

La città fu fondata, in una regione abitata già nell'antichità, dal re Olav Kyrre nel 1070. Importante porto e sede di commerci, nel Trecento avviò proficui scambi con l'estero e soprattutto con la Lega Anseatica, i cui mercanti stabilirono nella città un monopolio commerciale durato fino al sec. XVI. Bergen diventò capitale della Norvegia nel 1240. Nel sec. XVI l'introduzione della Riforma luterana si accompagnò ad acuti conflitti religiosi. Decaduta per la peste e per i furiosi incendi che la devastarono più volte, Bergen conservò tuttavia nei sec. XVIII-XIX un discreto ruolo commerciale. Nuovamente distrutta da un incendio nel 1916, la città subì gravi danni durante la seconda guerra mondiale, quando fu occupata dalle truppe tedesche e bombardata dagli Alleati.

Arte

Il monumento più antico è la Mariakirken, romanica normanna, con due torri in facciata (seconda metà del sec. XII); più tardi essa prese il nome di Tyskekirken (chiesa dei Tedeschi) dalla colonia di mercanti delle città anseatiche. Edificate nel corso del sec. XII sono anche la Fantof Stavkirke, tutta in legno (restaurata completamente dopo un incendio del 1992) e la Sankt Pouls Kirke, con un coro gotico del sec. XIII. Sul Bryggen (il nome per esteso è Tyskebryggen, cioè ponte dei Tedeschi) si conserva ancora il quartiere dei mercanti dell'Hansa, con tipiche case di legno dipinte con vivaci colori, ricostruite dopo l'incendio del 1702. L'edificio più notevole della città è la Håkonshallen, il palazzo reale eretto nel 1247-61 dal re Haakon Haakonssön (ampiamente restaurato nell'Ottocento e dopo il 1945), che comprende una sala con alte bifore gotiche e soffitto ligneo; esso faceva parte del complesso delle fortificazioni (Bergenhus), di cui resta anche la rinascimentale torre di Rosenkrantz (1562-68). Altri edifici in muratura sono la cattedrale, romanico-gotica, la casa del comandante Eric Rosenkrantz (1562) e il municipio (1550). Tra gli edifici barocchi e rococò vi sono la chiesa Nuova, di J. J. Reichborn (1758), e alcuni palazzi (Stiftsgaarden, 1708; villa di Damsgaard, ca. 1770). Il Museo d'Arte è suddiviso in tre edifici e può vantare una collezione di pittura norvegese e internazionale con opere di Munch, Dahl, Braque, Klee. Il Museo Anseatico, ospitato in un edificio di legno del primi del Settecento, mostra attraverso mobili e suppellettili le condizioni di vita e di lavoro di marinai e commercianti anseatici dal sec. XV al XVIII. Nel Museo Archeologico del Bryggen sono esposti i ritrovamenti degli scavi nel quartiere di Bryggen, tra cui pietre con iscrizioni runiche, attrezzi e ceramiche. Casa Troldhaugen, un edificio a due piani del 1875, fu abitata dal compositore E. H. Grieg per 22 anni fino al 1907 e ora è un museo a lui dedicato.

Economia

La città è un attivo porto peschereccio e mercantile e un importante centro industriale, con numerosi stabilimenti operanti nei settori alimentare, cantieristico, petrolifero, meccanico, tessile, della carta, del legno. Crescente è il ruolo del terziario (assicurativo, sanitario, finanziario e informatico). Aeroporto (Flesland).

Curiosità

Dal 1953, tra la fine di maggio e l'inizio di giugno, si svolge il Festival Internazionale. La manifestazione, la più prestigiosa nel suo genere in Norvegia, comprende più di 120 spettacoli tra musica, balletto, opera, teatro e danza.

Media


Non sono presenti media correlati