Questo sito contribuisce alla audience di

Bismarck, arcipèlago di-

Guarda l'indice

Generalità

Gruppo di isole (ca. 48.000 km²; 370.000 ab.) dell'Oceano Pacificosudoccidentale, a NE della Nuova Guinea, politicamente incluso nello Stato di Papua Nuova Guinea. Compreso tra 2º e 6º latitudine S e tra 145º e 155º longitudine E, costituisce geograficamente un elemento a sé, ben distinto nell'ambito melanesiano; consta delle isole di Nuova Britannia, Nuova Irlanda e Lavongai o Nuova Hannover, delle isole dell'Ammiragliato e Duca di York e di numerose (ca. 200) isolette minori che, disposte a semicerchio, racchiudono il Mar di Bismarck. Formatosi durante i ripiegamenti cenozoici dell'Insulindia, l'arcipelago è montuoso, costituito prevalentemente da rocce vulcaniche, coperte qua e là di banchi corallini. Numerosi i vulcani attivi. È interessato da un clima caldo-umido, con abbondanti precipitazioni (2000-2500 mm annui), ben distribuite nel corso dell'anno, che sulla costa centro-meridionale della Nuova Britannia toccano punte massime di 6350 mm. Le fasce costiere e le pendici dei monti sono ricoperte da una fitta foresta equatoriale sempreverde, con formazioni di mangrovie lungo le coste; tra la fauna, numerosi gli uccelli, i rettili e gli insetti. Gli abitanti, della famiglia etnico-linguistica melanesiana, vivono per lo più in capanne circolari, riunite in villaggi: centri principali, di fondazione moderna, coloniale, sono Rabaul (su Nuova Britannia) e Kavieng (su Nuova Irlanda). Principali risorse economiche sono l'agricoltura (palme da cocco, caucciù, cacao, caffè), la pesca e lo sfruttamento delle foreste.

Storia

L'arcipelago, toccato probabilmente da navi spagnole già nel sec. XVI, fu esplorato nel 1616 da J. Le Marie e W. C. Schouten e nel 1643 da A. Tasman. Nel 1699 fu circumnavigato da Dampier, che dimostrò trattarsi di terre distinte dalla Nuova Guinea, e infine, nel 1767, P. Carteret scoprì il tratto di mare (Saint George's Channel) che separa Nuova Britannia da Nuova Irlanda. § Dichiarato protettorato tedesco nel 1884, l'anno successivo venne incluso nella Colonia della Terra dell'Imperatore Guglielmo (poi Territorio della Nuova Guinea) e con essa amministrato dalla Compagnia tedesca della Nuova Guinea sino al 1899, quando subentrò il governo tedesco. L'arcipelago ha seguito le sorti del Territorio della Nuova Guinea: affidato come mandato (1920) e poi in amministrazione fiduciaria (1946) all'Australia fino all'indipendenza (1975).