Questo sito contribuisce alla audience di

Bose, Satyendra Nath

fisico e matematico indiano (Calcutta 1894-Calcutta 1974). Laureato all'Università di Calcutta, insegnò all'Università di Dacca (1921-1945) e poi all'Università di Calcutta (1945-1956). Compì varie ricerche di fisica nucleare, ma è noto principalmente per aver formulato una legge statistica, successivamente sviluppata e perfezionata da Einstein (statistica di Bose-Einstein), che spiega il comportamento delle particelle fondamentali dette bosoni. Bose effettuò anche importanti studi sulle proprietà elettromagnetiche della ionosfera, sulla diffrazione dei raggi X sui cristalli, sulla termoluminescenza e sulle teorie di campo unificato.

Statistica di Bose-Einstein

Uno dei due possibili modi in cui un insieme di particelle indistinguibili può occupare un insieme di possibili stati di energia discreta. Questa statistica, valida per particelle non soggette al principio di esclusione di Pauli, descrive il comportamento quantistico di un sistema di particelle caratterizzate da spin intero, cioè da bosoni. Il calcolo statistico che porta a definire le grandezze caratteristiche del sistema è basato sul fatto che in ciascuna cella elementare in cui è suddiviso lo spazio delle fasi possono trovarsi da nessuna a tutte le particelle del sistema costituito dalle particelle a spin intero in esame (vedi anche statistico).

Condensazione di Bose-Einstein

Fenomeno fisico quantistico che si manifesta in sistemi fisici macroscopici formati da particelle che obbediscono alla statistica di Bose-Einstein. Il condensato, previsto teoricamente sin dal 1925, è uno stato quantistico che anziché riguardare solo particelle singole submicroscopiche si estende a una struttura di dimensioni macroscopiche. In questo stato non esiste alcuna limitazione al numero di particelle che possono avere gli stessi numeri quantici. La condensazione di Bose-Einstein è stata osservata per la prima volta nel 1995 con atomi di rubidio. Insieme all'emissione laser, alla superfluidità e alla superconduttività a bassa temperatura, il condensato di Bose-Einstein è uno dei pochi casi in cui si possono osservare fenomeni quantistici a livello macroscopico. Con la condensazione di Bose-Einstein è stato possibile ottenere impulsi di atomi coerenti (la radiazione laser è invece costituita da fasci o impulsi di fotoni coerenti) ed è stata osservata l'interferenza tra due nuvole atomiche completamente indipendenti.

Media


Non sono presenti media correlati