Questo sito contribuisce alla audience di

Bouchardon, Edme

scultore francese (Chaumont 1698-Parigi 1762). Figlio di un architetto e fratello di Jacques-Philippe, imparò dal padre i primi elementi del disegno e, manifestando precocemente il suo talento, si recò a Parigi a perfezionarsi presso Coustou il Giovane, ottenendo il Prix de Rome. Ebbe una vita densa di successi artistici: dalla fama acquistata negli anni di permanenza a Roma (1723-32) presso Clemente XII, alla nomina di scultore del re a Parigi e infine a quella di membro e professore dell'Académie Royale per la sua attività presso le residenze reali di Versailles e di Grosbois. Contrario sia al naturalismo sia al rococò, fu un grande ammiratore dell'arte greca, di cui tentò di far rivivere la purezza di forme, senza tuttavia riuscire sempre a superare una certa leziosità (busto di Clemente XII, Firenze, palazzo Corsini; sculture per la fontana in rue de Grenelle a Parigi, 1739-45; Amore che ricava l'arco dalla clava di Ercole, Parigi, Louvre).

Media

Edme Bouchardon