Questo sito contribuisce alla audience di

Buriati, Repùbblica dei-

(Respublika Burjatija). Repubblica autonoma della Russia meridionale, 351.200 km², 963.275 ab. (stima 2006), 3 ab./km², capoluogo:Ulan-Ude . Confini: provincia di Čita (NE), Repubblica di Tuva (W), provincia di Irkutsk (NW); Mongolia (S).

Il territorio, prevalentemente montuoso (monte Golec Injaptuk, 2578 m; monte Munku-Sardyk, 3491 m), è limitato dai monti Jablonovy, dal fiume Vitim, dall'altopiano di Stanovoj, dal lato orientale del lago Bajkal (che bagna la Repubblica con il 60% delle sue coste) e dai monti Saiani Orientali. Gran parte del territorio è ricoperto di foreste (conifere ma anche latifoglie) ed è attraversato da numerosi fiumi, tra i quali i principali sono l'Angara Superiore, il Barguzin e il Selenga. Nel territorio si trova il Parco Nazionale Tunkinskij. Il clima è di tipo continentale severo, freddo e asciutto con una temperatura media annua di -1,6°. La popolazione è composta per più di due terzi da russi, mentre i buriati (origine mongola) costituiscono meno di un terzo della popolazione complessiva; vi sono poi gruppi etnici minori, quali ucraini e tatari. § Risorse economiche sono l'agricoltura (cereali, ortaggi, foraggi), l'allevamento (bovini, ovini) e lo sfruttamento forestale e del sottosuolo, ricco di carbone (Bajangol) e lignite (Gusinoozersk) utilizzati nelle locali centrali termoelettriche. Il potenziale minerario è enorme e comprende grandi giacimenti di oro (Karaftit e Bagarin), tungsteno (Zakamensk), molibdeno, zinco, uranio ecc., che costituiscono una risorsa economica fondamentale per l'intera Federazione Russa, nonostante la repubblica ne rappresenti solo il 2% del territorio totale. Il lago Bajkal offre abbondanti risorse idriche. Le industrie (alimentari, meccaniche, elettrotecniche, ingegneristiche, conciarie, del vetro) sono concentrate nel capoluogo, ma presenti anche in centri minori. La Repubblica è attraversata dalla ferrovia Transiberiana. § Secondo il censimento del 2002 i buriati di Russia sono 445.000, stanziati nella repubblica omonima e nei territori circostanti. La dispersione è dovuta agli spostamenti forzati a cui è stato costretto questo popolo nel primo periodo sovietico. Questa etnia d'origine mongola ha mantenuto forti legami culturali e religiosi con la Mongolia: il buddismo è oggi sempre più diffuso (la religione principale è quella ortodossa, ma sono diffuse anche forme di sciamanesimo). Negli anni Trenta del Novecento i monasteri buddisti cessarono la loro attività e la religione buddista fu riconosciuta nuovamente solo dopo la seconda guerra mondiale. Dagli anni Ottanta il culto buddista gode di un rinnovato slancio. Il tempio di Ivolginskij Dacan è forse il maggiore centro buddista della Russia, ed è in costruzione il primo monastero femminile buddista, approvato dal Dalai-lama nel 1992.

Media


Non sono presenti media correlati