Questo sito contribuisce alla audience di

Céllole

comune in provincia di Caserta (40 km), 19 m s.m., 35 km², 7149 ab. (cellolesi), patrono: Santa Maria di Costantinopoli (16 maggio).

Centro posto nella piana del fiume Garigliano. Seguì le vicende storiche di Sessa Aurunca, di cui fu frazione fino al 1973. Nell'abitato è la chiesa di San Marco, di origine romanica, con affreschi dei sec. VIII e IX. Nei dintorni si trovano i resti di una villa romana, con pavimenti musivi. § L'economia si basa in prevalenza sull'agricoltura, con tabacco, cereali, frutta, ortaggi, uva (vino falerno del Massico DOC), e sull'allevamento bovino e bufalino (mozzarella di bufala DOP). Altre risorse provengono dal turismo (in località Baia Domizia) e dalla piccola industria chimica (detergenti). È attiva la lavorazione artigianale del legno.