Questo sito contribuisce alla audience di

Campagna

comune in provincia di Salerno (37 km), 410 m s.m., 135,41 km², 15.311 ab. (campagnesi), patrono: sant’ Antonino (14 febbraio).

Cittadina posta nel cuore dei monti Picentini. Municipio romano al tempo di Silla (sec. I a. C.), fu devastata e saccheggiata dai Goti, divenendo un notevole centro commerciale con i Longobardi. Fu feudo di vari signori, fra cui gli Orsini, i Grimaldi e i Pironti. Fu danneggiata dal terremoto del 1980. § Oltre ai ruderi del castello, notevole è la cattedrale di Santa Maria della Pace, con facciata settecentesca, che conserva tele del sec. XVIII e una balaustra e pulpito in marmo. La chiesa di San Bartolomeo (1277), ingrandita dagli Orsini (sec. XV) e in seguito modificata, ha un altare ligneo intagliato e dorato (sec. XVII). § L'agricoltura produce ortaggi, frutta, cereali, olive e uva da vino; si pratica l'allevamento ovino, caprino e bovino (mozzarella di bufala DOP). L'industria opera nei settori tessile, calzaturiero, dell'abbigliamento (camicie e cravatte) e del legno (infissi e mobili). § In agosto le acque del fiume Tenza, deviate, inondano il centro abitato dando vita alla “chiena”, che ripropone un antico rito purificatorio.