Questo sito contribuisce alla audience di

Cantàbrica, Cordiglièra-

(o Mónti Cantàbrici), sistema montuoso della Penisola Iberica settentrionale, che si allunga da E a W per ca. 500 km parallelamente alla costa atlantica, formando l'orlo settentrionale della Meseta. Il confine orientale con i Pirenei non è nettamente marcato; a W taluni includono nel sistema cantabrico anche il più antico massiccio della Galizia, ma in genere esso viene limitato al corso del fiume Miño o del Navia. Geologicamente si distinguono due settori: uno occidentale, formato da rocce paleozoiche piegate durante l'orogenesi ercinica, e uno orientale, costituito da terreni mesozoici e cenozoici interessati dall'orogenesi alpina. Il sistema presenta due allineamenti: quello settentrionale, meno elevato (inferiore ai 1000 m), scende bruscamente alla costa; quello meridionale, che declina più dolcemente verso la Meseta, annovera le massime vette tra cui la Peña Ubiña (2417 m) e la Peña Prieta (2536 m), culminando nella Peña, o Torre Cerredo (2648 m), nei Picos de Europa. Questi ultimi sono stati dichiarati Riserva di Biosfera Unesco nel 1993, Parco nazionale spagnolo nel 1995. La cordigliera costituisce un importante spartiacque, dando origine lungo il versante settentrionale a corsi d'acqua in genere brevi e precipiti (Narcea-Nalón, Navia, Sella e Besaya), mentre dal fianco meridionale scendono, più dolcemente, alcuni tra i principali fiumi spagnoli, quali l'Ebro e i numerosi tributari del Duero: Esla, Pisuerga, ecc. Oltre che rappresentare un ostacolo alle vie di comunicazione, la catena costituisce una barriera bioclimatica, arrestando i venti atlantici: il versante settentrionale, investito dalle masse d'aria umide, è perciò coperto da un denso manto boschivo e in genere offre migliori condizioni d'insediamento; la parte meridionale è invece assai arida, con una rada vegetazione e una densità di popolazione nettamente inferiore (30-40 ab./km²) contro i 100 della fascia costiera. Tradizionali attività della regione, che prende il nome di Cantabria, sono la pastorizia e lo sfruttamento del legname; importanti i giacimenti di ferro e carbone. Scarsamente sviluppato il comparto turistico.