Questo sito contribuisce alla audience di

Carpinéto Romano

comune in provincia di Roma (72 km), 550 m s.m., 84,48 km², 4936 ab. (carpinetani), patrono: sant’ Agostino (28 agosto).

Centro dei monti Lepini. Citato nel 1077, fu possesso dei conti di Ceccano nel sec. XII. Passato ai Caetani nel 1299, fu conteso tra i Colonna, gli Orsini e la Chiesa e quindi acquistato dagli Aldobrandini. § L'abitato è costituito da un nucleo medievale e da una parte moderna. Fra le testimonianze storico-artistiche si ricordano la trecentesca chiesa di Sant'Agostino, con campanile a cuspide e due portali gotici decorati; la chiesa romanica di Santa Maria del Popolo (sec. XIII), con portale rinascimentale e rosone tardogotico; la chiesa coeva di San Michele Arcangelo, che conserva una Flagellazione attribuita a Giulio Romano; e la collegiata (sec. XVIII). Tra i palazzi di età feudale si segnalano il castello Aldobrandini, con torre medievale, e il palazzo Pecci, che ospita il Museo Leoniano. § Le colture prevalenti sono quelle della vite e dell'olivo; gli estesi pascoli favoriscono l'allevamento ovino (con produzione casearia). Cospicuo lo sfruttamento dei boschi (funghi, tartufi e legname). Il settore manifatturiero è presente nei comparti edile, dei materiali da costruzione e della lavorazione artigianale del legno (botti e mastelli). § Vi nacque papa Leone XIII (1810-1903).