Questo sito contribuisce alla audience di

Circèo, mónte-

promontorio del Lazio, che si protende nel mar Tirreno chiudendo a W il golfo di Terracina. Chiamato anche Circello, è costituito da dolomie e calcari; culmina a 541 m nel picco di Circe ed è caratterizzato da pareti ripide, a strapiombo sul mare, specie sul versante occidentale. Centro principale è San Felice Circeo (provincia di Latina). L'area è meta di villeggiatura e turismo.Dal 1934 costituisce, con il vicino entroterra, il Parco Nazionale del Circeo (84 km²); nel 1979 vi è stata creata la riserva naturale denominata “Pantani dell'Inferno”. Alla base del monte si aprono una trentina di grotte, prodotte dall'abrasione marina, in cui si sono rinvenuti numerosi strumenti litici paleolitici e mesolitici. L'industria del Paleolitico superiore, caratterizzata da grattatoi a muso o discoidali o carenati, lame a ritocco periferico e punte di osso a base spaccata, viene detta “circeiana” ed è stata messa in luce soprattutto nella grotta del Fossellone. Sono inoltre di grande interesse, nella grotta Guattari, i ritrovamenti effettuati in due riprese (1939 e 1950) di ossa fossilizzate (un cranio incompleto e due mandibole) databili alla glaciazione di Würm .

Bibliografia

S. Aurigemma, A. Bianchini, A. De Santis, Circeo, Terracina, Fondi, Roma, 1957; G. Benelli, Note geologiche sul Monte Circeo (Lazio), Roma, 1959; C. Traversi, Monte Circeo, Novara, 1978.

Media


Non sono presenti media correlati