Questo sito contribuisce alla audience di

Cisternino

comune in provincia di Brindisi (50 km), 393 m s.m., 54 km², 12.078 ab. (cistranesi o cisterninensi), patrono: santi Quirico e Giulitta (prima domenica di agosto).

Centro situato sul gradino della Murgia dei Trulli. Sorto in un territorio già abitato in età preromana (come testimonia il rinvenimento di un dolmen e di alcune necropoli), collega le sue origini al centro iapigio di Sturnium, conquistato dai Romani. Abitato nel Medioevo dai monaci basiliani, nel 1180 divenne feudo dei vescovi di Monopoli; nel 1505 fu conquistato da Venezia e, in seguito, dagli spagnoli.§ L'abitato conserva un caratteristico aspetto orientale, con case imbiancate a calce, scale esterne e giardini pensili. La chiesa di San Nicola, di origine romanica, ma rimaneggiata in epoche successive, conserva una scultura del 1517 di Stefano da Putignano, detta Madonna del Cardellino. Dal belvedere della Villa Comunale si gode lo stupendo panorama della valle d'Itria, famosa per i suoi trulli.§ L'agricoltura, che produce uva da vino (aleatico di Puglia e martina DOC), olive, frutta e ortaggi, l'allevamento (ovini, caprini e bovini da latte) e l'industria (alimentare, edile e dell'abbigliamento) compongono il quadro economico. È sviluppato il turismo, soprattutto agrituristico.§ Vi è nato il cantante Al Bano Carrisi (1943).

Media


Non sono presenti media correlati