Questo sito contribuisce alla audience di

Donner, Georg Raphael

scultore austriaco (Esslingen 1693-Vienna 1741). Allievo del veneziano G. Giuliani, iniziò la sua attività a Salisburgo con le sculture per lo scalone del castello di Mirabell, tra cui un Paride di ispirazione michelangiolesca. Fu quindi a Linz e a Bratislava, come scultore di corte del principe Esterházy, per il quale disegnò la cappella ellittica della cattedrale, l'altare, i due angeli classicheggianti ai lati del tabernacolo e la statua equestre di S. Martino (dove, abbandonando la consueta iconografia, il santo è vestito da ussaro). A Vienna eseguì la fontana del Mercato Nuovo, da lui realizzata (1739) in piombo, secondo il tipo della fontana manierista con figura centrale e divinità fluviali adagiate ai bordi della vasca (le sculture sono ora conservate al Belvedere, dove si trovano altre opere dell'artista). L'arte di Donner, intelligente fusione di elementi del barocco italiano e del classicismo francese, ebbe vasta influenza, preparando la via al classicismo.