Questo sito contribuisce alla audience di

Gabi

(latino Gabii), antica città del Lazio, situata nel territorio di Roma. Con il re Tarquinio Prisco concluse, alla metà del sec. VI a. C., dopo alcuni anni di assedio, un trattato il cui testo, scritto sul cuoio di uno scudo, si conservò fino alla tarda età repubblicana. Secondo la tradizione, diede ospitalità a Romolo e Remo. § Il foro, scavato nel Settecento e poi reinterrato, era porticato su tre lati, mentre il quarto si affacciava sulla via Prenestina. Rimangono imponenti avanzi del tempio di Giunone Gabina, in blocchi di pietra gabina estratta dalle vicine cave, al centro di un recinto rettangolare limitato da portici su tre lati e da un'area teatrale nel quarto. Tra gli oggetti d'arte rinvenuti si ricorda l'Artemide di Gabi (conservata al Louvre di Parigi), copia di una statua di Prassitele.