Questo sito contribuisce alla audience di

Galli (religione)

(greco Gálloi; latino Galli), adoratori della dea Cibele in ambiente ellenistico-romano. Pur non essendo veri e propri sacerdoti, erano consacrati da un rito iniziatico che comportava l'evirazione e un tatuaggio con aghi infuocati, in una festa che cadeva forse il 24 marzo.