Questo sito contribuisce alla audience di

Giovanni XXII

(al secolo Jacques Duèze), papa (Cahors 1245-Avignone 1334). Di ricca famiglia borghese, laureato in diritto civile e canonico, vescovo di Fréjus (1300), poi di Avignone (1310), fu da Clemente V nominato cardinale e vescovo di Porto (1312). Fu eletto papa il 7 agosto 1316 a Lione, due anni dopo la morte del predecessore Clemente V, col nome di Giovanni XXII, per pressione dei re di Francia e di Sicilia. Dopo l'elezione si stabilì ad Avignone. Uomo di alta cultura, favorì le università e gli studi e fondò in Avignone una ricca biblioteca. Riorganizzò la Cancelleria e la Camera apostolica e accentrò nella Curia poteri e rendite ecclesiastiche (inasprendo il fiscalismo), ma non si oppose alla progressiva e sempre più invadente influenza della monarchia francese sulla Curia (23 cardinali su 28 erano francesi). Promosse l'attività missionaria e progettò una crociata contro i Turchi. Nella disputa tra conventuali e spirituali, appoggiò i primi perseguitando i secondi; venne poi a contesa con lo stesso ordine francescano avendo condannato la dottrina della povertà assoluta (1323). Contemporaneamente entrò in conflitto con l'imperatore Lodovico IV il Bavaro e lo scomunicò (1324); questo conflitto si protrasse per tutto il suo pontificato. Per predisporre il ritorno del papato a Roma, inviò in Italia (1320) il cardinale Bertrando del Poggetto, con mansioni militari e politiche più che ecclesiastiche; in Italia infatti, e in particolare nei domini della Chiesa, il potere del papa era profondamente decaduto e i ghibellini erano più forti dei guelfi. Il cardinale riuscì a sottomettere alcune città dell'Emilia e della Romagna (1322-27), ma la sua azione trovò un limite insuperabile nella potenza dei Visconti (ghibellini) in Lombardia. Lodovico IV il Bavaro, giunto a Roma nel 1328, venne incoronato imperatore con un rito laico, in Campidoglio, da Sciarra Colonna in nome del popolo e fece eleggere antipapa, col nome di Niccolò V, il frate spirituale Pietro da Corvara. Ma, partito l'imperatore, i Romani riaffermarono la loro obbedienza a Giovanni XXII e anche l'antipapa gli si sottomise (1330). Nonostante la missione di Bertrando del Poggetto, il potere politico del pontefice si mantenne solo nel Patrimonio di S. Pietro (esclusa Todi).

Media


Non sono presenti media correlati