Questo sito contribuisce alla audience di

Graffignano

comune in provincia di Viterbo (28 km), 187 m s.m., 29,12 km², 2288 ab. (graffignanesi), patrono: san Martino (11 novembre).

Centro su un altopiano a destra del Tevere. Fece parte del Marchesato di Toscana (sec. X) e fu lasciato in eredità alla Chiesa da Matilde di Canossa (1115). Soggetto a Orvieto (sec. XIII), divenne quindi feudo dei Monaldeschi della Cervara; nel sec. XVII tornò allo Stato Pontificio. Il paese conserva l'originario aspetto medievale, con resti di mura e fortificazioni. § In economia prevale l'attività agricola, con frumento, uva, olive e frutta; presenti anche allevamenti di conigli e cave di sabbia e ghiaia.