Questo sito contribuisce alla audience di

Guinness, sir Alec

attore britannico (Londra 1914-2000). Esordì sulle scene nel 1934 e si rivelò recitando nel 1938 all'Old Vic un Amleto, rimasto famoso, in abiti moderni diretto da T. Guthrie. Tra le altre sue interpretazioni teatrali si ricordano Riccardo II, L'ispettore generale da Gogol, Cocktail-Party da Eliot, Ross da Rattigan, Il re muore da Ionesco, ecc. Avvicinatosi al cinema nel 1946-48 sotto truccature dickensiane, vi emerse con la sua arte del trasformismo (otto personaggi, tra cui uno femminile) in Sangue blu di R. Hamer nel 1949. Nella prima metà degli anni Cinquanta interpretò numerose commedie umoristiche (da L'incredibile avventura di Mr. Holland e Lo scandalo del vestito bianco, 1951, a La signora Omicidi, 1955); fu quindi il premiatissimo protagonista drammatico de Il ponte sul fiume Kwai (1957, premio Oscar) e La bocca della verità (1958, coppa Volpi a Venezia). Continuò poi ad apparire in grosse produzioni internazionali: Lawrence d'Arabia (1962), Il dottor Živago (1966), Gli ultimi 10 giorni di Hitler (1973), Guerre stellari (1976), Passaggio in India (1984), Delitti e segreti (1992). Nel 1980 gli è stato consegnato il premio Oscar alla carriera.