Questo sito contribuisce alla audience di

Kokinshū

antologia di poesie nota anche come Kokinwakashû (Raccolta di poesie giapponesi antiche e moderne) che Ki no Tsurayuki (ca. 868-946) nel 905 presentò all'imperatore Daigo (885- 930) assieme ai colleghi Ki no Tomonori (845-905), Ōshikōchi no Mitsune e Mibu no Tadamine (868-965). Si tratta della seconda grande antologia della letteratura poetica giapponese, con la quale la cultura di Heian rivendica i propri valori artistici davanti a quella già gloriosa del Man'yōshū di Nara. Il Kokinshū raccoglie, in venti volumi, ca. 1100 liriche, di cui poco meno della metà di autori anonimi; numerose altre sono dovute ai sei geni poetici del sec. IX: Ariwara no Narihira, Ono no Komachi, Fumiya no Yasuhide, Sōjō Henjō, Ōtomo no Kuronushi e il vescovo Kisen. La prefazione di Tsurayuki (presente nell'antologia con una ricca scelta di poemi) costituisce il primo manifesto del mondo letterario nipponico ormai emancipato dal magistero cinese.

Media


Non sono presenti media correlati