Questo sito contribuisce alla audience di

Lovànio, Scuòla di-

scuola filosofica di ispirazione tomista, fondata a Lovanio dal sacerdote Désiré Mercier nel 1882, per espresso desiderio di papa Leone XIII. Da questa scuola, i cui maggiori rappresentanti furono De Wulf, Noël, Balthasar e Van Steenberghen, e il cui organo è la Revue philosophique (di Lovanio), prese impulso il movimento neotomista, che prese poi piede anche in Italia (Università Cattolica di Milano); suo scopo fu il rinnovamento del pensiero scolastico e tomista al contatto con la cultura moderna e con la filosofia contemporanea, in base al duplice principio: senso della tradizione e senso della ricerca. Successori di Mercier furono: S. Deploige, L. Noël e L. Raeymaeker. § Nella stessa università si è sviluppata, alla fine del sec. XIX, una corrente di pensiero economico-sociale, detta anch'essa Scuola di Lovanio, che, in antitesi al liberalismo e al socialismo, propugna, accanto alle libere associazioni dei lavoratori, il patronato degli imprenditori diretto dall'autorità ecclesiastica.

Media


Non sono presenti media correlati