Questo sito contribuisce alla audience di

Malatèsta, Sigismóndo Pandòlfo

signore di Rimini (Rimini 1417-1468). Figlio naturale di Pandolfo III, ereditò la signoria di Rimini (1432) dal fratello Galeotto Roberto. Splendido signore e protettore delle arti, progettò ed edificò Castel Sismondo e fece costruire il Tempio Malatestiano da L. B. Alberti. Bellicoso, avido di conquiste e di danaro, sfrenato nelle passioni, suscitò odi implacabili (in Alfonso d'Aragona, re di Napoli, e Federico da Montefeltro). Dopo la scomunica di Pio II e la condanna al rogo (1461), riparò a Venezia, il cui appoggio giovò a conservargli Rimini. Perdonato dal papa a patto che abiurasse gli errori, accettasse Rimini come vicariato nuovo e rinunciasse al resto (1463), compì tra le ultime imprese una spedizione in Morea per la Repubblica Veneta. Delle sue tre mogli, la più nota fu Isotta degli Atti.

Media


Non sono presenti media correlati