Questo sito contribuisce alla audience di

Nèrvi, Pierluigi

ingegnere e architetto italiano (Sondrio 1891-Roma 1979). La sua opera si inserisce nella tradizione dei maestri dell'ingegneria ottocentesca per l'insistenza sul tema del rapporto forma-struttura. La ricerca di Nervi, infatti, fu volta a identificare l'invenzione tecnologica e il calcolo strutturale, nonché economico, con le caratteristiche della soluzione formale e della composizione architettonica, secondo la sua dichiarata “fiducia nella naturale espressività estetica di una buona soluzione costruttiva”. Egli diede così vita a realizzazioni notevoli per perizia costruttiva e sapiente uso dei materiali. La sua prima opera importante fu lo stadio comunale di Firenze (1930-32), che presenta inedite soluzioni tecniche, tra cui la struttura delle tribune scoperte e le notissime scale elicoidali di accesso alle tribune. Dopo quest'opera, che lo inserì nel contemporaneo dibattito per una nuova architettura, tra il 1935 e il 1941 Nervi si dedicò a progetti per aviorimesse (a Orbetello, Orvieto, ecc.), nelle quali adottò un nuovo tipo di cemento armato e sperimentò elementi prefabbricati. Nel dopoguerra si volse alla progettazione di grandi spazi per impianti sportivi (piscina dell'Accademia Navale di Livorno, 1947; stadio Flaminio a Roma, 1957-59) e per esposizioni (salone principale di Torino Esposizioni, 1948-49). Spesso lavorò anche in collaborazione con architetti; con Breuer e Zehrfuss realizzò la sede parigina dell'UNESCO (1959); con Ponti il grattacielo Pirelli di Milano (1955-59); a Roma realizzò con Vitellozzi il Palazzetto dello Sport (1956-57) e con Piacentini il Palazzo dello Sport (1959). Tra le sue ultime opere vanno ricordati il Palazzo del Lavoro all'Esposizione di Torino del 1961, famoso per la gigantesca struttura a fungo che riassorbe nell'essenzialità dei volumi la componente monumentale del complesso; la sopraelevata di Genova (1963) e la sala delle udienze alla Città del Vaticano (1972).

Bibliografia

A. L. Huxtable, Pier Luigi Nervi, New York, 1960; G. C. Argan, Nervi, in “Progetto e destino”, Milano, 1965; A. Pica, Pier Luigi Nervi, Roma, 1969; P. Desideri, P. L. Nervi Jr; G. Positano, Pier Luigi Nervi, Bologna, 1979.

Media


Non sono presenti media correlati