Questo sito contribuisce alla audience di

Ochlopkov, Nikolaj Pavlovič

attore e regista sovietico (Irkutsk 1900-Mosca 1967). Attivo in provincia sia come attore sia come regista, fu poi, a Mosca, allievo di Mejerchold del quale, già nel 1922, nella regia di Misterija-buf, aveva accettato, esasperandole, le nuove soluzioni sceniche. Dedicatosi soprattutto al cinema tra il 1924 e il 1930, fu poi al Teatro realistico di Mosca (1930-36) dove estrinsecò a pieno il suo estro e le sue possibilità di rinnovamento. Egli mise in scena spettacoli (da Shakespeare a Gorkij, da Seratimovič a Pogodin) in cui si svincolava completamente dalle convenzioni registiche tradizionali abolendo il palcoscenico e dilatando l'azione a tutta la sala, in cui gli attori recitavano su piattaforme, inserite tra il pubblico in posti diversi. Rifacendosi alla lezione di Stanislavskij, egli riteneva che l'attore, in mezzo agli spettatori, dovesse vivere, non recitare.

Media


Non sono presenti media correlati