Questo sito contribuisce alla audience di

Pérez de Ayala, Ramón

narratore, poeta e saggista spagnolo (Oviedo 1881-Madrid 1962). Fu alunno dei gesuiti e si laureò in legge a Oviedo, dove fu discepolo dello scrittore liberale Clarín. Esordì come poeta modernista con i languidi versi di La paz del sendero (1903; La pace del sentiero), lodati da Rubén Darío, cui seguì il suo primo romanzo, già vigorosamente realista (Tinieblas en las cumbres, 1907; Tenebre sulle vette), che ebbe gli elogi di Pérez Galdós. Giornalista militante per molti anni, nel 1917 fu corrispondente di guerra sul fronte italiano (frutto di tale esperienza è il libro Herman encadenado, 1917, Herman incatenato). Forte saggista (Política y toros, 1918, Politica e tori) e critico teatrale molto temuto (Las máscaras, 1917 e 1919, Le maschere), partecipò negli ultimi anni della dittatura a un'aperta politica di opposizione repubblicana; eletto deputato nel 1931, fu ambasciatore della Repubblica a Londra dal 1931 al 1936. Durante e dopo la guerra civile visse in volontario esilio in America (dal 1943 in Argentina); nel 1954 rimpatriò definitivamente e pubblicò in seguito altri articoli e alcuni volumi saggistici. Alla poesia aveva dato, dopo il primo, altri volumi: El sendero innumerable (1916; Il sentiero innumerevole), El sendero andante (1921; Il sentiero errante). Ma infine prevalse la sua vocazione più forte, quella di romanziere. Dopo A.M.D.C. (1910; La vita in un collegio di gesuiti), che fece scandalo essendo un pamphlet contro i sistemi educativi dei gesuiti, vennero La pata de la raposa (1911; La zampa della volpe), Troteras y danzaderas (1913; Vagabonde e ballerine), le splendide novelle di Luz de domingo (1916; Luce domenicale), La caída de los Limones (1916; La caduta di casa Limones), infine cinque romanzi della piena maturità: Belarmino y Apolonio (1921), giudicato un capolavoro, Luna de miel, luna de hiel (1923; Luna di miele, luna di fiele), Los trabajos de Urbano y Simona (1923; Le fatiche di Urbano e di Simona), Tigre Juan (1926; Giovanni Tigre) ed El curandero de su honra (1926; Il medico del proprio onore), oltre a qualche narrazione minore. Dal 1926 in poi non scrisse più romanzi; ma quelli che lasciava – autobiografici i primi, dedicati a temi diversi gli altri (l'amore e l'educazione sessuale, l'onore, il linguaggio) – bastano a garantirgli un posto di spicco nel panorama della narrativa iberica del Novecento, per il senso umoristico, la profonda comprensione della realtà umana, la straordinaria capacità di ambientazione.

Media


Non sono presenti media correlati