Questo sito contribuisce alla audience di

Placànica

comune in provincia di Reggio di Calabria (132 km), 240 m s.m., 29,26 km², 1507 ab. (placanichesi), patrono: sant’ Emidio (5 agosto).

Centro del versante sudorientale delle Serre, posto a N della fiumara Allaro. Sorto attorno a un convento basiliano, fu feudo di varie famiglie, tra cui i Caracciolo, i Passarelli e i Clemente di San Luca. Subì gravi danni dal terremoto del 1783. § Nella parrocchiale di San Basilio Magno, del sec. XII ma più volte rimaneggiata, si trovano alcune tele settecentesche; nella cappella Clemente della stessa chiesa è posta una pregevole tela del sec. XVII raffigurante San Gennaro. La chiesa di Santa Caterina presenta una sontuosa facciata barocca. § L'economia si basa sull'agricoltura, che produce olive, uva da vino (bivongi DOC), agrumi e cereali, e sull'allevamento (ovini e caprini). Sono attive piccole aziende olearie e imprese edili. § Nei dintorni sono i ruderi della cinta muraria difensiva di un castello, costruito nel 1283, ma completamente rifatto nel sec. XVII. In contrada Santa Domenica è l'immagine scolpita su un masso della Madonna dello Scoglio, meta di pellegrinaggio.