Questo sito contribuisce alla audience di

Proboscidati

"Per l'evoluzione del cranio e per gli ultimi molari superiori vedi disegni al lemma del 15° volume." sm. pl. [sec. XIX; da proboscidato]. Ordine (Proboscidea o Proboscidata) di Mammiferi rappresentati attualmente dalla sola famiglia degli Elefantidi, con due generi: Elephas e Loxodonta. Comparsi nell'Oligocene africano con forme di piccole dimensioni, i Proboscidati si diffusero rapidamente in tutti i continenti (esclusa l'Australia) differenziandosi, nel tempo, in più famiglie (Mastodontidi, Dinoteridi, Meriteridi, Elefantidi) annoveranti specie che raggiunsero enormi dimensioni: ancor oggi l'elefante africano è il più grande mammifero terrestre "Per l’evoluzione del cranio e per gli ultimi molari superiori vedi i disegni a pg. 1 del 18° volume." . I Mastodontidi, estintisi durante il Quaternario, sono i più antichi con il genere Paleomastodon dell'Oligocene del Faiyûm (Africa) presentanti una piccola proboscide; i generi Hemimastodon, Mastodon, Platybelodon si diffusero durante il Miocene. I Meriteridi comparvero nell'Eocene africano e, sembra, rimasero circoscritti al Nordafrica; i Dinoteridi, comparsi nel Miocene, ebbero invece diffusione in Africa, Europa e Asia; entrambi i generi si estinsero all'inizio del Quaternario. Gli Elefantidi comparvero simultaneamente in tutto il Vecchio Continente nel Pliocene, diffondendosi poi in America, e sono caratterizzati da molari a numerose creste separate da solchi profondi; secondo la diversa disposizione delle lamine dello smalto dei denti, comprendono forme loxodontine, elefantine e mammuttine. Tra le prime vi sono: Loxodonta africana, l'attuale elefante africano, e Elephas falconeri, la forma nana pleistocenica di Malta e Sicilia; tra le seconde si ricordano: Elephas planifrons del Pliocene d'Africa e Asia, Elephas antiquus che è la specie più nota e che è vissuto in Europa durante il Pliocene e il Quaternario, le forme nane pleistoceniche Elephas mnaidriensis di Sicilia e Elephas croitzburgi di Creta; tra le forme mammuttine Mammuthus meridionalis del Pleistocene inferiore (Villafranchiano superiore) con zanne grandi e leggermente arcuate; a esso si sostituisce, durante le fasi fredde del Quaternario, Mammuthus primigenius, il mammut.