Questo sito contribuisce alla audience di

Qaraqorum o Karakorum

antica capitale dell'Impero mongolo. Sorgeva nell'alta valle del fiume Orkhon, nell'odierna provincia dell'Hangaj Meridionale (Mongolia). Originariamente un accampamento, divenne, intorno al 1220, capitale di Gengis Khān. Nel 1235 Ögödei la fece cingere di mura e vi fece erigere il proprio palazzo. Testimonianze su Qaraqorum si rinvengono negli annali cinesi e nelle cronache dei viaggiatori europei che la visitarono nel sec. XIII: Giovanni da Pian del Carpine (1246), Guglielmo di Ruysbroeck (1253-54), Marco Polo (1275). Sul finire di quello stesso secolo Qaraqorum perdette il ruolo di capitale in favore di Pechino ma ne fu reintegrata nel 1368 da Bilikt Khān, figlio di Toġan Temür (Shun-ti) ultimo imperatore in Cina della dinastia mongola. Nel 1388 fu occupata dalle truppe cinesi della dinastia Ming e da allora iniziò la decadenza della città che finì per cadere in rovina. L'esatta ubicazione di Qaraqorum fu stabilita alla fine del sec. XIX da orientalisti russi ma soltanto dopo la seconda guerra mondiale archeologi russi e mongoli condussero a termine scavi sistematici mettendo alla luce gli imponenti resti della città e recuperando preziosi reperti.

Media


Non sono presenti media correlati