Questo sito contribuisce alla audience di

Radziwiłł

famiglia magnatizia polacca, d'origine lituana. Il suo nome compare alla fine del sec. XIV con Mikołaj che nel 1386 si fece battezzare unitamente al re di Polonia e Lituania Ladislao II Iagellone prendendo poi parte alla grande battaglia di Grunwald (1410) contro i Cavalieri Teutonici. Ma solo nel sec. XVI i Radziwiłł si affermarono con personaggi di grande rilievo: grandi cancellieri di Lituania, atamani e principi dell'Impero. Si ricordano, fra gli altri, Mikołaj Rudy (Nicola il Rosso: 1512-1584), cognato del re Sigismondo II Augusto, vincitore dei Russi in varie battaglie; Mikołaj Czarny (Nicola il Nero: 1515-1565), cugino del precedente, influentissimo consigliere di Sigismondo Augusto: osteggiò l'Unione di Lublino e ottenne da Carlo V il titolo di principe di Nieświeź; Mikołaj Krzysztof (1549-1616), figlio del precedente, è noto per la grande ricchezza e per l'interessante descrizione di un viaggio in Terrasanta (1601). Quest'ultimo, gran maresciallo di Lituania e fedelissimo di Sigismondo III Vasa, fu deciso sostenitore del cattolicesimo, contrariamente agli altri due Radziwiłł citati, che furono ardenti calvinisti e che operarono attivamente per far trionfare, con la dottrina di Calvino, la potenza del loro casato. Fra tanti grandi uomini tiene un posto non mediocre Barbara (1520-1551), figura drammatica e ancor oggi discussa, sorella di Mikołaj Rudy, donna affascinante e ambiziosa che, già vedova di un voivoda, sposò segretamente (1547) Sigismondo II Augusto nonostante l'opposizione della Dieta e della regina Bona Sforza e morì pochi mesi dopo l'incoronazione. Tra gli altri Radziwiłł sono inoltre da ricordare: Janusz (1612-1655), calvinista, alleato al re di Svezia contro il suo re e fautore della piena autonomia della Lituania; Bogusław (1620-1669), combatté, a fianco della Svezia, nella guerra dei Trent'anni; Michał Kazimierz (1625-1680), tra i più convinti e strenui difensori della causa polacca nella guerra con gli Svedesi; Karol Stanisław (1734-1790), ricchissimo e ambizioso, che aderì alla Confederazione di Radom, favorendo le mire di Caterina II, e si batté contro i Poniatowski; Michał, che si batté insieme a Kościuszko (1794) e comandò l'esercito polacco nell'insurrezione del 1830-31; Ferdynand (1834-1926), deputato al Parlamento tedesco e accanito oppositore della politica di germanizzazione degli anni 1885-1918; Janusz Ksarwery (? 1880-Varsavia 1967), figlio del precedente, conservatore, filotedesco, fu ministro degli Esteri (1918) e seguace di Piłsudski (dal 1926). Durante la seconda guerra mondiale fu deportato in URSS. Liberato nel 1946, si stabilì a Varsavia.