Questo sito contribuisce alla audience di

Roth, Tim

attore cinematografico britannico (Londra 1961). Benché inglese, è diventato il villain per antonomasia del cinema indipendente statunitense, specie in ruoli duri ed estremi. Non a caso è l'attore-feticcio di Q. Tarantino: per lui è stato un poliziotto infiltrato nel “gangsterLe iene (1992), poi un piccolo furfante in Pulp Fiction (1994), infine l'unica presenza fissa, nel ruolo di un cameriere d'albergo, del film a episodi Four Rooms (1996), prodotto e codiretto da Tarantino. Tuttavia Roth ha costruito la sua interpretazione migliore nel killer disperato e vendicativo di Little Odessa (1994). Protagonista del film di G. Tornatore, La leggenda del pianista sull’oceano (1998), tratto da un monologo di A. Baricco, ha esordito inoltre come regista con Zona di guerra, presentato con grande risalto al Sundance Film Festival nel 1999, film che tratta il tema della violenza nascosta sotto l'apparente normalità della vita familiare e i suoi effetti devastanti. Nel 2005 ha recitato in Non bussare alla mia porta di W. Wenders e Dark water di Walter Salles e nel 2007 Funny Games di M. Haneke. Nel 2008 ha interpretato L'incredibile Hulk di L. Leterrier e L'invincibile di W. Herzog. Altri film: La frode (2012), Möbius (2013), Selma - La strada per la libertà (2014).

Media


Non sono presenti media correlati