Questo sito contribuisce alla audience di

Sèrgio di Costantinòpoli

patriarca (m. 638). Salvò l'Impero d'Oriente minacciato dai Persiani mettendo le ricchezze delle chiese bizantine al servizio dell'imperatore Eraclio I. Volendo richiamare i monoteliti all'unità della fede, cadde egli stesso nell'eresia, ammettendo in Cristo un'unica volontà, quella divina, errore confermato anche nell'Echthesis di Eraclio I. La condanna venne più tardi dal Concilio di Costantinopoli (680-681).