Questo sito contribuisce alla audience di

San Giusèppe Jato

comune in provincia di Palermo (30 km), 467 m s.m., 29,46 km², 8349 ab. (iatini), patrono: Madonna della Provvidenza (13-16 agosto).

Centro situato sul versante sinistro della valle del fiume Jato. L'abitato è unito senza soluzione di continuità a quello di San Cipirello, che fino al 1864 ne faceva parte. Acquistò maggiore importanza nel 1779, quando venne popolato come feudo della famiglia Beccadelli Bologna.§ Sul monte Jato sono gli scavi dell'antica città di Ietas (costruita nel sec. IV a. C. su un insediamento elimo, conquistata dai Romani, abbandonata e ripopolata da Arabi, distrutta dall'imperatore Federico II nel 1246) con un grandissimo teatro, la piazza centrale (agorà), la sala del consiglio (bouleuterion) e il tempio di Afrodite.§ L'agricoltura produce cereali, frutta, ortaggi, uva da vino (alcamo DOC, monreale DOC) e olive; è diffuso l'allevamento del bestiame. L'industria opera nei settori alimentare e dei materiali da costruzione.§ Vi furono girate scene del film Salvatore Giuliano (1961) di Francesco Rosi.

Media


Non sono presenti media correlati