Questo sito contribuisce alla audience di

Tambov (provincia)

(Tambovskaja oblast’). Provincia della Russia occidentale, 34.300 km², 1.130.352 ab. (stima 2006), 33 ab./km², capoluogo: Tambov. Confini: province di Lipeck, Penza, Saratov, Rjazan e Voronež.

Il territorio, prevalentemente pianeggiante, si estende nella pianura compresa tra il Don e il Volga ed è attraversato dai fiumi Voronež, Cna e Vorona. La vegetazione comprende zone di steppa e di foreste steppose. Il clima è di tipo temperato continentale nella zona centrosettentrionale e continentale severo a N. La provincia è ricca di risorse minerarie (zirconio, carbonati, pigmenti minerali, fosforiti, sapropel, materiali da costruzione) e gode di numerose fonti di acque minerali, usate anche a scopo terapeutico. Il suolo presenta la caratteristica fertilità delle terre nere, e si presenta perciò particolarmente adatto all'utilizzo agricolo (cereali, patate, tabacco, barbabietole da zucchero, ortaggi, frutta). Altre risorse economiche per gli abitanti sono l'allevamento e lo sfruttamento del sottosuolo. Le industrie (ingegneristiche, metallurgiche, alimentari, chimiche ecc.) si concentrano nel capoluogo e nelle città di Mičurinsk, Kotovsk, Moršansk e Rasskazovo. § Originariamente popolato dai Mordvini, il territorio fu colonizzato dai Russi in periodo premongolico. Tambov fu fondata nel 1636 come città-fortezza a difesa dei confini meridionali della Russia e come base per lo sfruttamento delle fertili “terre nere”. Il governatorato di Tambov nacque nel 1779 per trasformarsi in provincia, con i suoi attuali confini, nel 1937.

Media


Non sono presenti media correlati