Questo sito contribuisce alla audience di

Tièste

(greco Thyéstēs; latino Thyestes). Eroe della mitologia greca. È figlio di Pelope e Ippodamia e fratello gemello di Atreo. La sua vicenda verte sostanzialmente sui rapporti di ostilità con Atreo. Tieste seduce la sposa di Atreo e questi fa sì che Tieste, inconsapevole, mangi i propri figli. L'odio e la vendetta superano la morte di Tieste e di Atreo: Egisto, figlio di Tieste, ucciderà un giorno Agamennone, figlio di Atreo. § La storia dei due gemelli è raccontata nell'Agamennone di Eschilo ed era al centro di tragedie (di Sofocle, Euripide, Ennio e Accio) che sono andate perdute. Ci è invece rimasta la tragedia Thyestes (sec. I d. C.) di Seneca che sceneggia la leggenda con la consueta abbondanza di effetti truculenti e con alcune scene (quella, per esempio, in cui Tieste accetta il trono) di straordinaria potenza tragica. A Seneca si rifà L. Dolce con un libero rifacimento (Thiestes, 1560), mentre il Tieste (1797) di Foscolo rielabora autonomamente il mito in un'opera di derivazione alfieriana, animata da spiriti polemici e da una sensibilità preromantica.

Media


Non sono presenti media correlati