Questo sito contribuisce alla audience di

Vèsta (mitologia)

Guarda l'indice

Il mito

Dea (latino Vesta) tra le più importanti della religione pubblica di Roma antica. Aveva un tempio rotondo nel Foro, dove si conservava un fuoco perenne. La divina funzione di Vesta era di sottrarre lo stato romano all'usura del tempo e della storia, fornendo una garanzia esistenziale metastorica. Questo concetto muoveva da una dialettica culturale che contrapponeva Vesta al dio Giano: col nome di Giano si apriva ogni rito pubblico e col nome di Vesta lo si chiudeva. Con Giano tutto si apriva all'evento (alla storia), ma per ciò stesso tutto rischiava di contaminarsi cadendo dall'assoluto sacrale al relativo storico; ma poi Vesta “purificava” ogni cosa, chiudendola al divenire storico (alla contingenza) e conservandola sul piano della necessità sacrale o metastorica. I segni più importanti dell'azione conservatrice di Vesta sono: il fuoco sacro che si conservava puro nel suo tempio; le sue vestali che si conservavano vergini; i Penati di Roma e i cosiddetti “pegni della potenza romana” (pignora imperii: oggetti misteriosi di varia natura); questi segni rinviano tutti a una realtà politica e sociale di carattere gentilizio e perciò “conservatrice” rispetto all'assetto rivoluzionario antigentilizio assunto dalla Repubblica romana; riflettono una concezione del “pubblico” non ancora dialetticamente contrapposta al “privato”. Il fuoco di Vesta non è che il fuoco domestico (da cui deriva il nome della dea: greco hestia, “focolare”) elevato al ruolo di comune focolare di Roma.

Iconografia

In rilievi di età augustea, tra i quali la famosa base del Museo Correale di Sorrento, Vesta appare come una figura matronale seduta in trono, con la testa velata e vari attributi nelle mani: scettro, patera, cornucopia. In pitture domestiche pompeiane la dea siede tra i Lari con diversi attributi (spighe, fiori) e gli animali a lei sacri (serpente, asino). L'iconografia di Vesta si confonde talvolta con quella della Dea Bona.

Media


Non sono presenti media correlati