Questo sito contribuisce alla audience di

esarca

sm. (pl. -chi) [sec. XVI; dal greco éxarchos]. Titolo degli ufficiali di grado non elevato dell'esercito imperiale d'Oriente. A datare dagli ultimi anni del sec. VI, regnante Maurizio, ebbero titolo di esarca i governatori delle province d'Italia e d'Africa riconquistate all'Impero da Giustiniano, strappandole agli Ostrogoti e ai Vandali. L'esarca era un vero e proprio viceimperatore con pieni poteri militari e civili e ampia autonomia d'azione. Dopo la perdita delle province africane (709) e dell'Italia settentrionale (751), l'Impero bizantino non conferì più il titolo di esarca (esarcato). Fu anche titolo onorifico attribuito sin dalla fine del sec. IV ai vescovi di alcune importanti sedi metropolitane orientali, che sopravvive sia tra gli ortodossi sia tra i cattolici.