Questo sito contribuisce alla audience di

giudaismo

sm. [sec. XIV; dal greco judaismós, tramite il latino tardo iudaismus]. Termine comprensivo della civiltà ebraica, e particolarmente della religione degli Ebrei, nel periodo successivo all'esilio babilonese del sec. VI a. C. Il centro religioso del giudaismo è il ricostruito Tempio di Gerusalemme, ma a esso si affianca l'istituzione sinagogale, legata alla realtà della diaspora del popolo ebreo: tale realtà dà luogo altresì alla missione giudaica nel mondo pagano, cosicché a un giudaismo palestinese si aggiunge un giudaismo ellenistico con caratteristiche sue proprie. L'interpretazione e l'osservanza della Tôrāh, ossia della Legge tramandata nella Scrittura, divengono la preoccupazione fondamentale del giudaismo palestinese e ciò dà luogo, da un lato, alla costituzione di una classe d'interpreti della Legge, gli Scribi, alla produzione di complessi commentari della Scrittura (la Mishnāh e il Talmūd) e alla formazione di diverse correnti interpretative (principali quelle dei Farisei e dei Sadducei); d'altro lato, l'osservanza della Legge produce un rigoroso legalismo, che contraddistingue in maniera peculiare la religiosità giudaica. Un'ulteriore caratteristica di questa religiosità è data dalla sua dimensione escatologica, che si esprime tanto in un'attesa di tipo nazionalistico-messianico (portata a conseguenze rivoluzionarie, durante il periodo della dominazione romana, dal partito degli Zeloti), quanto nella speranza di una catastrofe cosmica, che trova la propria espressione nella letteratura apocalittica. Il giudaismo ellenistico (un rappresentante esemplare ne è Filone di Alessandria) è caratterizzato, oltre che dal suo esclusivismo etnico ed etico nei confronti del mondo circostante, dalla fusione che d'altra parte realizza con la cultura filosofico-religiosa dell'ellenismo, donde si sviluppa un tipo di pensiero ebraico nuovo rispetto a quello espresso nella più antica tradizione biblica e nello stesso giudaismo palestinese.

Bibliografia

J. Parkes, Judaism and Christianity, Londra, 1948; S. W. Baron, A Social and Religious History of the Jews, New York, 1952; W. F. Albright, Archaeology and the Religion of Israel, Baltimora, 1953; M. Simon, Les sectes Juives au temps de Jésus, Parigi, 1960; H. Arendt, Ebraismo e modernità, Milano, 1986.

Media


Non sono presenti media correlati