Questo sito contribuisce alla audience di

scarlattina

malattia infettiva causata dal batterio streptococco beta-emolitico di gruppo A, che si manifesta elettivamente nei bambini tra i 3 e i 10 anni.
Quadro clinico
Il contagio avviene dal malato tramite le goccioline di saliva o attraverso oggetti (per esempio, giocattoli, libri, indumenti, posate, bicchieri), sui quali lo streptococco sopravvive a lungo. L'incubazione dura 2-5 giorni, in cui compaiono febbre, dolore alla deglutizione e tumefazione dei linfonodi laterocervicali. Successivamente insorge un esantema rosso-scarlatto che dal volto (dove lascia indenne la zona intorno alla bocca e il mento) si diffonde al tronco. Il cavo orale è fortemente arrossato e la lingua, ricoperta da una patina giallastra, presenta papille anch'esse molto arrossate e ipertrofiche (esantema bucco-faringeo). L'esantema, che dura pochi giorni, è costituito da piccole papule, rosse e un po' rilevate, estremamente diffuse mentre la cute tra di esse è iperemica. Dopo qualche giorno inizia la desquamazione che, a partire dal tronco, si diffonde in tutto il corpo simile a forfora, mentre alle mani e ai piedi si presenta a forma di lamelle.
Terapia
È obbligatoria la denuncia della malattia. Anche nelle forme lievi è consigliabile isolare l'ammalato. La terapia prevede la somministrazione di antibiotici per bocca (amoxicillina, ampicillina, eritromicina) per un periodo di almeno 10 giorni. È previsto un periodo di contumacia di 10 giorni dall'inizio del trattamento, o di 15 giorni dopo 2 tamponi negativi sul secreto oro-faringeo. Per i conviventi è prevista una contumacia di 7 giorni, a meno che non si proceda a trattamento antibiotico o a chemioprofilassi con somministrazione di una dose unica di 1 200 000 U di penicillina AP. La scarlattina può dare complicazioni di vario tipo suddivise in tossiche (miocardite), settiche (otite, broncopolmonite) e immunologiche (malattia reumatica, glomerulonefrite post-streptococcica). Queste però sono, generalmente, prevenute dalla normale terapia antibiotica durante la fase acuta.

Media

Statistica delle malattie infettive.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi