Questo sito contribuisce alla audience di

psicofàrmaci

farmaci che agiscono principalmente sui processi mentali determinando modificazioni del comportamento, sia normale sia patologico, con effetti sedativi o stimolanti. Gli psicofàrmaci vengono impiegati in psichiatria per scopi terapeutici. L'uso risale agli anni Cinquanta con l'introduzione nella terapia psichiatrica della reserpina e della clorpromazina. L'azione è soprattutto sintomatica, cioè diretta ai sintomi e non alle cause della malattia; spesso non è selettiva, per cui possono verificarsi effetti collaterali, talora rilevanti; inoltre risente non di rado del contesto (ambientale, familiare, sociale) in cui vengono somministrati. Di qui l'importanza nel trattamento delle malattie psichiatriche di integrare tutte le misure terapeutiche al fine di una risposta più efficace. Il meccanismo d'azione, non del tutto noto, implica principalmente un'interferenza con i neurotrasmettitori. La classificazione clinica distingue gli psicofàrmaci, in base al prevalente effetto psichico, in psicolettici, psicoanalettici e psicodislettici. L'impiego di questi farmaci deve avvenire sotto attento controllo medico, poiché l'uso non corretto (o eccessivo) può indurre fenomeni di abuso e tossicodipendenza.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia.

Vai alla sezione Autodiagnosi