Questo sito contribuisce alla audience di

Assistenza al malato che vomita

Lo stato di debilitazione indotto dalla malattia può acuire la sensibilità del malato verso una serie di stimoli (odori sgradevoli, stimolazione meccanica della gola, aspetto dei cibi ecc.) che possono indurre nausea e vomito.

Che cosa fare:

- durante l'attacco, se la persona è costretta a letto, occorrerà rialzarla o farla girare sul fianco e porgerle una bacinella e dei fazzoletti di carta;

- dopo fate eseguire sciacqui per rinfrescare e ripulire la bocca, fate lavare mani e viso, cambiate la biancheria se se ne verifica la necessità;

- informate il medico, soprattutto se il fenomeno è ingente, senza apparente ragione o se ha colpito un bambino molto piccolo; attenersi alla dieta che il sanitario indicherà;

- fate bere, se la persona lo tollera, per reintegrare i liquidi perduti.

Autodiagnosi

Risali alla possibile malattia partendo dai sintomi o, al contrario, scopri quali sintomi comporta una determinata patologia

Vai alla sezione Autodiagnosi