Questo sito contribuisce alla audience di

Psicologia

La natura della mente

Dopo il breve viaggio compiuto tra le diverse scuole psicologiche, se vogliamo definire in termini generali l'oggetto di studio della psicologia, potremmo sentirci autorizzati a dire che ciò che essa, pur da molteplici prospettive, si propone di studiare è la mente. Prima di esaminare più nel dettaglio alcuni degli argomenti specifici delle scienze psicologiche, sarà quindi opportuno cercare di dare una definizione al termine “mente” e capire come la psicologia si rapporta con essa, da che punto di vista la studia.

Parlando di mente è difficile trovare attributi o aggettivi che la descrivano in maniera precisa e univoca, in quanto essa non possiede proprietà analoghe a quelle degli oggetti o delle entità (quali il corpo) che si posizionano nello spazio. Essa viene generalmente colta come uno “spazio interno”, qualcosa che sta dentro di noi, e che in un certo senso “osserva” quanto avviene intorno a lei. Questa visione della mente come interiorità ha portato a una visione dualistica dell'uomo: a vedere cioè l'essere umano come composto da due entità tra loro differenziate: il corpo e la mente. Questa visione pone senz'altro diversi problemi, primo fa tutti come avvenga l'interazione tra corpo e mente. Fu il filosofo francese Cartesio (1596-1650) il primo a postulare in maniera chiara e precisa il dualismo mente-corpo, considerandole quali entità del tutto separate, ma che collaborano a formare l'uomo in quanto tale (il corpo trasmette alla mente informazioni sensoriali, ed esegue poi gli ordini che gli arrivano in risposta dalla mente). La posizione di Cartesio, che è vista comunque come atto di nascita della psicologia quale disciplina che studia il mentale, è stata più volte criticata, rivista, integrata. Di conseguenza il problema del rapporto mente- corpo (mind-body problem, in inglese) attraverso il quale è possibile trovare la strada verso una definizione della mente in quanto tale, è stato ampiamente discusso. In proposito possono essere sinteticamente distinte diverse categorie di posizioni. In primo luogo le posizioni moniste, in cui si ammette soltanto l'esistenza del corpo o della mente. Abbiamo poi le posizioni dualiste, in cui si accetta la distinzione tra mente e corpo e se ne cercano ragioni e giustificazioni. C'è poi chi cerca di trovare un modo per far coesistere monismo e dualismo, sostenendo che mente e corpo non sono generi diversi di realtà, ma ammettendo nel contempo che esse hanno proprietà differenti. E infine posizioni in cui si cerca dievadere dalla distinzione mente-corpo, prospettando, per esempio, un superamento delle tradizionali categorie a cui essa fa riferimento o proponendo una concezione secondo la quale i due termini della distinzione sarebbero aspetti diversi ma compresenti di una medesima realtà, in sé né mentale né corporea, o sia mentale che corporea.

Forse il modo migliore per evadere da questo dilemma del collegamento tra le due entità mente-corpo, consiste nel considerarli come già costitutivamente uniti, intrisi l'uno dell'altra pur essendo profondamente differenziati. In quest'ottica il corpo non sarà solo fisicità, non sarà ridotto a una macchina (come voleva Cartesio), ma si arricchisce di valenze psicologiche, e la mente, dall'altro lato, lungi dall'essere considerata una cosa più o meno astratta, o un insieme di stati che si susseguono sarà ciò che dà un senso al soggetto che percepisce il mondo.

Tenendo presente il coesistere di visioni differenti rispetto al mentale, inoltriamoci a vedere come aspetti monotematici del funzionamento della nostra mente sono stati studiati dalla psicologia.

Riepilogando

Divertiti con i quiz di Sapere.it!

Su Sapere.it sono arrivati i quiz!

Tantissime domande a risposta multipla per sfidare amici e famigliari in ogni campo dello scibilie: geografia, cinema, musica, sport, scienze, arte, architettura, letteratura, storia e curiosità, queste le categorie che metteranno alla prova la tua conoscenza.

Comincia subito a giocare coi i quiz di Sapere.it!

Enciclopedia De Agostini

Dall’esperienza De Agostini, un’enciclopedia ancora più vicina alle tue esigenze.

Agile, utile, dinamica, sempre a portata di mano, per esplorare, approfondire, conoscere, ricercare, aggiornarsi: oltre 185.000 termini che soddisfano la tua voglia di conoscenza quotidiana.

Vai all'Enciclopedia