Questo sito contribuisce alla audience di

Anaclèto II

antipapa, al secolo Pietro Pierleoni (m. 1138). Appartenne a una facoltosa famiglia romana di origine ebraica (il nonno si era convertito al cristianesimo); fu inviato a Parigi per gli studi e divenne monaco nel celebre monastero di Cluny. Eletto cardinale da Pasquale II, svolse un'importante attività di legato in Francia e in Inghilterra finché alla morte di Onorio II (1130) la famiglia lo fece eleggere papa contrapponendolo a Innocenzo II, già in carica e sostenuto dalla famiglia dei Frangipane, ostile ai Pierleoni. Anacleto II si vide avversato dall'imperatore Lotario II e da San Bernardo di Chiaravalle, mentre dalla sua parte si schierò Ruggero II d'Altavilla, da lui incoronato re di Sicilia. Per anni le opposte fazioni scatenarono una violenta disputa caratterizzata da risolute prese di posizione che ridimensionarono il potere dei due contendenti. Con la morte di Anacleto II e la breve avventura dell'elezione di un altro antipapa (Vittore IV, suo partigiano) la difficile e intricata questione si risolse con la sottomissione di quest'ultimo a Innocenzo, riconosciuto come papa legittimo.

Media


Non sono presenti media correlati