Questo sito contribuisce alla audience di

Artèmide (design)

industria specializzata nel settore dell'illuminazione fondata nel 1959 a Milano da Ernesto Gismondi e Sergio Mazza. La prima realizzazione è l'abat-jour Alfa di Sergio Mazza (1959). Progressivamente, l'azienda si fa protagonista dell'industrializzazione del settore, soprattutto con l'avvento della plastica, che richiede investimenti per stampi e presse. È il materiale stesso a suggerire la ricerca di forme nuove: dalla Nesso (1965) al Boalum di Livio Castiglioni e Gianfranco Frattini (1970), tubo flessibile in pvc. Si producono in quegli anni anche mobili in plastica, disegnati da Mazza (poltroncina Toga, 1969) e Magistretti (sedia Selene e tavolo Demetrio, 1966 e 1967). Le lampade Artemide degli anni Sessanta e Settanta del Novecento sono tra gli archetipi del design: da Polluce di E. Mari (1965) a Chimera ed Eclissi di Magistretti (1967), quest'ultima insignita del Compasso d'oro, da Pileo di G. Aulenti (1972) alla Tizio di Sapper (1972). Negli anni Ottanta la lampada Tolomeo di M. De Lucchi e Gianfranco Fassina vince il Compasso d'oro. Parallelamente, dal 1981 al 1989 Gismondi intraprende con E. Sottsass l'avventura di Memphis, nel tentativo di sperimentare nuovi rapporti tra artisti e produzione. Gli anni Novanta sono ricchi di riconoscimenti internazionali: dal Compasso d'oro alla carriera del 1995, all'European design Prize del 1997, al Product Design Award del 1999. Artemide vanta oltre 100 presenze dei suoi prodotti nelle collezioni permanenti di molti musei, dal MoMA di New York al Victoria and Albert di Londra. Artemide è un gruppo di oltre venti società controllate o partecipate, tra cui Alias e Megalit; significativa è stata l'acquisizione dello storico marchio Danese. La produzione presenta collezioni di lampade raggruppate per temi e per materiali come la linea “Metamorfosi”, che studia lampade a luce policromatica con il contributo di un gruppo di designer internazionali, da Sapper a Santachiara, da De Lucchi ad A. Branzi, in relazione a moderne ricerche sulle valenze psicologiche del colore.