Questo sito contribuisce alla audience di

Buttiglièra d'Asti

comune in provincia di Asti (31 km), 299 m s.m., 18,82 km², 1996 ab. (buttiglieresi), patrono: san Bernardo (20 agosto).

Centro del Monferratonord-occidentale. Sorse verso il 1250 vicino alle rovine dell'antico Porcile, feudo dei Biandrate di San Giorgio distrutto dagli astigiani. Nel 1289 fu conquistato da Manuele di Biandrate e restituito l'anno seguente ad Asti, di cui seguì le sorti. Passato ai Visconti e poi agli Orléans, nel sec. XV conseguì libertà comunali ma fu poi possesso dei conti di Revigliasco. Annesso ai domini dei Savoia, fu dato successivamente in feudo a diverse famiglie.§ La parrocchiale di San Biagio, fondata nel 1673, ha un bel campanile barocco di Mario Ludovico Quarini e conserva tele secentesche. La chiesa di San Michele, con campanile del sec. XIII, fu costruita in parte su disegno del Vittone (1758), cui si deve anche il palazzo Freilino. A NW dell'abitato sorge la chiesa di San Martino che conserva, della originaria costruzione romanica, l'abside in cotto e affreschi duecenteschi.§ Accanto all'agricoltura (uva, cereali, foraggi) e all'allevamento bovino è presente una vivace attività industriale operante nei settore meccanico, edile, tessile e delle confezioni. Il paese è inoltre centro di villeggiatura estiva e autunnale.

Media


Non sono presenti media correlati