Questo sito contribuisce alla audience di

Carosino

comune in provincia di Taranto (14 km), 72 m s.m., 10,79 km², 6070 ab. (carosinesi), patrono: san Biagio (seconda domenica di novembre).

Centro del Salentosettentrionale, tra le Murge e la Serra di Belvedere. Fondato forse nel sec. XV da coloni albanesi, si sviluppò intorno alla chiesa di Santa Maria di Carosino, che divenne un importante centro religioso di rito greco-ortodosso, mantenutosi fino al 1570. Appartenne alla famiglia Imperiali. § La chiesa madre (XIV sec.), dedicata alla Madonna delle Grazie e ricostruita nel 1763 su un edificio precedente, conserva sull'altare maggiore un affresco secentesco della Madonna col Bambino. Il palazzo D'Ayala (sec. XVII, ma più volte rimaneggiato), ingloba un castello del sec. XV. § Principale risorsa economica è la viticoltura, con produzione di uva da vino (primitivo di Manduria e aleatico di Puglia DOC) e da tavola; rilevante è anche l'olivicoltura.