Questo sito contribuisce alla audience di

Dàttili

(greco Dáktyloi), demoni o geni della mitologia greca, in numero di 5 o di 10 (come le dita di cui portano il nome) e, a volte, di 100. In Frigia erano connessi con la dea Cibele, a Creta con la dea Rea. Insieme con i Coribanti e con i Cureti, con i quali sono talvolta confusi, sono presenti in una fase caotica primordiale che, nella coscienza greca, era anteriore alla nascita e all'ordine di Zeus. Da tale posizione precosmica essi contribuiscono variamente alla costruzione del cosmo greco: sia per l'abilità manuale che si attribuiva loro, sia per certe fondazioni (per esempio l'istituzione dei giochi olimpici), e sia, soprattutto, per aver custodito Zeus, il futuro ordinatore del mondo. Una tradizione di Elide li identifica in Eracle, Epimede, Ida (o Acesida), Peoneo, Iaso, tutti nomi di eroi altrimenti noti nella mitologia greca.

Media


Non sono presenti media correlati